Pubblicato il

Intervista a Gian Andrea Squadrilli

Gian Andrea Squadrilli

Intervista a cura di Carmine Lione

In occasione della seconda edizione de “La Zizzona di Battipaglia in festa”, c’è stato modo di scambiare quattro chiacchiere con Gian Andrea Squadrilli, socio-fondatore nonché mente  della Pagina Facebook Italy Food Porn, ora presente anche su Instagram.

Prima di dare il via alla nostra vera e propria intervista, vorrei partire con una domanda introduttiva e chiederti quando e come nasce la tua passione per il cibo. Passione che, come in tanti sanno, esprimi in maniera piuttosto originale.

“Avendo io genitori divorziati, passavo del tempo separatamente tanto con mia madre quanto con mio padre: mia madre si dilettava cucinando i classici piatti della tradizione e con lei ho imparato ad amare il ragù e la genovese. Mio padre, invece, preferiva portarmi in giro per pub o ristoranti e con lui ho cominciato ad entrare nel magico mondo della ristorazione, per cui ho sviluppato una passione sempre crescente”.

 

Sei originario di Napoli, ragion per cui non posso esimermi dal chiederti quale sia il tuo rapporto con la cucina tradizionale napoletana.

“La cucina napoletana è quella della mia terra ed è senz’altro quella cui sono maggiormente affezionato. Ho avuto modo di assaporare piatti tipici di molte regioni italiane, ma la tradizione partenopea è quella che mi ha da sempre più stimolato”.

 

Entrando nel merito del nostro discorso, Italy Food Porn è un progetto vincente che ha stupito un po’ tutti. Da dove nasce l’idea di questa start-up e come definiresti a qualcuno che non ne ha mai sentito parlare il concetto di food porn?

“Italy Food Porn nasce dalla mia passione autentica per il cibo. Constatando che a Napoli c’era un gran fermento in termini di ristorazione e seguendo con attenzione il progetto della Pagina Facebook di Egidio Cerrone, alias “Puokemed”, mio attuale socio in Italy Food Porn, decisi anche io di aprire la mia Pagina ispirandomi al food porn americano. Da lì la pagina è esplosa e ha fatto registrare numeri importanti. Con questo progetto, intendiamo valorizzare il cibo italiano abbinandolo al concetto di food porn. Esso è un costume di matrice americana caratterizzato da colate di cheddar che, ovviamente, non possono appartenere alle nostre abitudini alimentari, per cui le rivisitiamo in chiave mediterranea con abbondanza di ingredienti della nostra tradizione (zizzona di Battipaglia, provola filante, ragù che “pappulea”)”.

 

La tua mission è quella di food blogger, il che, oggi come non mai, suppongo sia una gran bella responsabilità. Cosa significa per te questo ruolo?

“Il ruolo del food blogger non è complesso, pur tuttavia, si è costantemente sotto gli occhi di tutti. Le cose che piacciono a me non possono necessariamente piacere a tutti gli altri, per cui è importante operare con il massimo rispetto nei confronti del gusto altrui. Io posto ciò che mi piace e la gente può essere d’accordo con la mia opinione o criticarmi aspramente. Può succedere, e sistematicamente succede, ma sono le regole del gioco, ed è giusto così. Io esprimo commenti positivi nei confronti dei piatti che apprezzo e non recensisco ciò che non è di mio gradimento”.

 

Gian Andrea Squadrilli

 

Il cibo è fatto per essere assaporato, eppure, riesci a conquistare un pubblico numerosissimo nonostante il medium tecnologico che si frappone alla realtà. Un medium che annulla tutti i sensi, ad eccezione della vista. I tuoi spazi digitali fanno registrare numeri da capogiro tanto su Facebook quanto su Instagram. Come ti spieghi questo successo?

“Il food porn è, per definizione, il cibo da mangiare con gli occhi per cui tutto fa inizialmente leva sulla vista. Postando una foto di un piatto accattivante, la gente istintivamente sente il desiderio di provare quella pietanza, pur non conoscendone o potendone apprezzare fin da subito il gusto .Sinceramente, però, l’ausilio dei social è fondamentale perché con essi riusciamo, una volta raggiunto il ristorante o pub in questione, a fornire indicazioni precise sul luogo dove poter gustare quel particolare piatto. Siamo, dunque, una sorta di guida che, oltre a far venir fame alla gente, fornisce la possibilità di andare ad assaporare la pietanza che li ha conquistati visivamente”.

 

Da cosa ritieni dipenda il successo ed il proliferare mediatico dei tanti programmi televisivi di cucina? Pensi si tratti di una sorta di moda destinata a cessare o un fenomeno da leggere ed interpretare più seriamente? In una tua recente intervista dicevi che “oggi più che mai la gente è attenta a ciò che mangia”. Come mai?

“Oggi come non mai c’è molta più consapevolezza ed informazione in termini di educazione alimentare. Con l’aumento dei consumi, la gente si reca molto più spesso a mangiare fuori in ristoranti o simili ed è alla ricerca di informazioni su dove poter gustare degli ottimi piatti. Il fatto che il cibo sia alla portata di tutti giova molto in tal senso poiché chiunque vuole mangiare bene mentre, chi preferisce restare a casa, desidera apprendere nuove tecniche di cucina; per questo motivo, i tanti contenuti televisivi che ruotano attorno al cibo fanno registrare ottimi ascolti ed un seguito sempre maggiore”.

 

Siamo a Battipaglia, alla seconda edizione de “La Zizzona di Battipaglia in festa”. Non so che rapporto tu abbia con la nostra città, tuttavia, non posso non chiederti cosa questa eccellenza della nostra terra rappresenti per te.

“La Zizzona è il food porn fatto alimento. E’ un prodotto estremamente accattivante, molto scenico e davvero saporito. Nell’assaporarlo, si percepisce davvero il gusto del latte che, molto spesso, non viene percepito in maniera altrettanto nitida nei bocconcini o nella mozzarella che, essendo in salamoia, forniscono al palato una diversa percezione. La Zizzona, al contrario, in superficie preserva quei tratti di salinità, poi, accentrandosi, fa esplodere il gusto autentico del latte facendo la gioia delle papille gustative”.

 

Quali sono, per concludere, i tuoi progetti per il futuro?

“Nei prossimi tempi mi piacerebbe avere l’occasione di viaggiare un po’ in giro per l’Italia, assaporare qualche piatto nuovo, andare in posti dove non sono mai stato e confrontarmi con le tradizioni culinarie che ancora non conosco sufficientemente. Il mio obiettivo è quello di scoprire i tanti e diversi piatti che contraddistinguono da sempre la nostra affascinante storia alimentare e culturale”.

 

Carmine Lione

L’autore

Carmine Lione è uno scrittore e giornalista freelance, laureato in Scienze della Comunicazione presso l’Università degli Studi di Salerno.

Attualmente iscritto al Corso di Laurea in “Lingue e Culture Straniere” presso l’Ateneo di cui sopra, ha collaborato con varie testate giornalistiche tra cui tuttobasket.net e zerottonove.it.

Ha ricoperto l’incarico di Capo Addetto Stampa della società cestistica Polisportiva Battipagliese ed attualmente presta la sua voce per le telecronache del Basket Bellizzi in onda su LiraTv e del Salernum Baronissi per l’emittente SeiTv.

Per quanto concerne la scrittura, nel corso della sua esperienza artistica, ha pubblicato due opere: “Tempi Moderni”, raccolta di racconti edita dalla casa editrice Gruppo Albatros Il Filo e “Luce al neon”, primo romanzo autopubblicato.

Pubblicato il

Torna La Festa della Zizzona di Battipaglia

Festa della Zizzona di Battipaglia

Il successo de La Zizzona di Battipaglia®, ottenuto sul piano nazionale dopo la consacrazione del grande schermo (Benvenuti al Sud), sarà celebrato nella seconda edizione de La Zizzona di Battipaglia in festa, dal 15 al 17 Settembre 2017. Tre serate dedicate al prodotto caseario d’eccellenza della Piana del Sele che si svolgeranno presso lo Stadio Pastena di Battipaglia.

L’evento, patrocinato dal Comune di Battipaglia e promosso dal caseificio La Fattoria, è organizzato dall’associazione Cinegusto e si annuncia ricco di appuntamenti gastronomici, goliardici e di intrattenimento vario.

Un’intera kermesse dunque dedicata alla Zizzona che partirà ogni giorno dalle 18:00 con l’apertura dell’area gastronomica e a seguire spettacoli musicali, showcooking, incontri con noti food blogger, un contest musicale tra band emergenti, l’attesissimo Campionato del mondo dei Mangiatori di Zizzona, l’elezione di Miss Talento e Simpatia e tanto altro.

Tra i numerosi ospiti presenti sul palco dello Stadio Pastena, ricordiamo il comico cabarettista Alessandro Bolide direttamente dalla trasmissione Made in Sud, capace di saltare gli stereotipi napoletani mettendo in risalto con occhio critico tutte le difficoltà che ha avuto nella sua vita con le donne, con la sua famiglia e con la sua città, e il cantante Tony Tammaro che, con le sue parodie cantate, prende in giro la “tamarragine”, ossia l’imitazione dello stile di vita delle “classi alte” da parte dei ceti popolari.

Spettacolari ed entusiasmanti, dunque, sono i termini adatti a definire queste tre serate volte all’insegna della spensieratezza e del buon cibo, il tutto documentato dalla diretta di radio Castelluccio.

La presentazione ufficiale di questo che si presente come uno degli eventi gastronomici più attesi del 2017, avverrà al Festival del Cinema di Venezia, nel prestigioso spazio dell’Italian Pavilion, allestito presso l’Hotel Excelsior, Martedì 5 settembre alle ore 15.45.

Sito ufficiale de La Festa della Zizzona: www.festadellazizzona.it
Evento ufficiale su Facebook qui

Pubblicato il

Ricetta Pastiera Napoletana con Ricotta di Bufala

Ricetta Pastiera Napoletana con Ricotta di Bufala

Ricetta Pastiera Napoletana: ingredienti e procedimento passo per passo.

La Pastiera Napoletana è il dolce Pasquale per eccellenza. La tradizione prevede due varianti: la pastiera di grano e la pastiera di riso. In quest’articolo ti mostreremo la ricetta della pastiera di grano.

Difficoltà: 

Tempo di preparazione: 1 ora
Tempo di cottura: 1 ora

Continua a leggere Ricetta Pastiera Napoletana con Ricotta di Bufala

Pubblicato il

Calorie della Ricotta di Bufala e valori nutrizionali

Ricotta di Bufala

Quante calorie contiene la Ricotta di Bufala?

Ricotta di BufalaLa Ricotta di Bufala contiene circa 170 calorie (Kcal) per 100 gr.
In termini pratici:

  • 1 ricottina da 100 g, porzione solitamente servita nei ristoranti, contiene circa 170 calorie (Kcal)
  • 1 ricotta da 250 g, la pezzatura che vendiamo sul nostro negozio online, contiene circa 425 calorie (Kcal)
  • 1 ricotta da 400 g, altra pezzatura comune, contiene circa 680 calorie (Kcal)

Continua a leggere Calorie della Ricotta di Bufala e valori nutrizionali

Pubblicato il

Mozzarella Affumicata: l’affumicatura con paglia di grano

Mozzarella Affumicata di Latte di Bufala

La Mozzarella Affumicata di Latte di Bufala è una delle varietà di mozzarella più particolari e che ben si presta ad essere utilizzata anche in ricette calde, oltre che da sola. Il processo di affumicatura infatti conferisce a questo prodotto un sapore rustico, selvatico, motivo per cui alcuni appassionati la preferiscono addirittura alla mozzarella bianca. Il suo sapore inoltre ben si sposa al succo acido del limone, con cui ti consigliamo assolutamente di provarla.

Accanto alla tipica mozzarella affumicata da 250 g, produciamo anche la Scamorza di Bufala Affumicata.

Continua a leggere Mozzarella Affumicata: l’affumicatura con paglia di grano

Pubblicato il

La Leggenda dall’Antica Mozzata di Battipaglia

Antica Mozzata di Bufala di Battipaglia

 L’Antica Mozzata di Battipaglia® è il marchio con cui il nostro caseificio, il Caseificio La Fattoria, è sul mercato della Mozzarella di Latte di Bufala. Ad esso è associata una leggenda, la Leggenda dell’Antica Mozzata di Battipaglia, che unisce elementi mitologici a elementi tradizionali per rievocare e mantenere vive le origini antiche della tradizione casearia di Battipaglia.

Continua a leggere La Leggenda dall’Antica Mozzata di Battipaglia

Pubblicato il

Quanto pesa una mozzarella?

Mozzarella di Latte di Bufala

Uno dei segreti del successo della mozzarella è la possibilità di poterla mangiare in diverse forme e pezzature: bocconcini, ciliegine, trecce, Zizzona eccetera…

Ma spesso, alle prese con la dieta o con l’organizzazione di una festa, ci chiediamo «Quanto pesa una mozzarella?»

Per quanto riguarda le pezzature più comuni della Mozzarella di Latte di Bufala, i pesi sono i seguenti:

La Zizzona di Battipaglia
Una Zizzona di Battipaglia gigante
  • Una Ciliegina (anche detta Cardinale) pesa circa 25 g
  • Un Bocconcino pesa 50 g
  • Una Mozzarella può pesare:
    • 125 g, solitamente usata nei ristoranti
    • 250 g, la pezzatura più comune
    • 500 g, anche detta aversana

Un discorso a parte è La Zizzona di Battipaglia, il cui peso varia tra gli 1 e i 5 kg.

Ho una cena con tot persone! Come devo regolarmi?

La Zizzona di Battipaglia viene spesso ordinata per cene tra amici, riunioni tra colleghi, addii al celibato, partite di calcio, matrimoni e tanti altri eventi.
E, in presenza di tanti invitati, capita di frequente che non si sappia quanti chili ordinarne.

Continua a leggere Quanto pesa una mozzarella?

Pubblicato il

La Scamorza di Bufala è finalmente online!

Scamorza di Bufala

La Scamorza di Bufala: cos’è

La Scamorza di Bufala , come suggerisce il nome, è un formaggio prodotto esclusivamente con latte di bufala. È una delle specialità del nostro caseificio, il Caseificio La Fattoria!
A differenza della ben più famosa scamorza di latte vaccino, la Scamorza di Bufala ha una crosta più morbida e bianca,  una consistenza più umida e un sapore più deciso, conferitole appunto dal latte bufalino.

Inoltre, sebbene non sia lattiginosa quanto la nostra Zizzona, al taglio caccia la cosiddetta lacrima di latte.

La produciamo e la spediamo sia nella versione bianca che affumicata (una specialità nella specialità).

Continua a leggere La Scamorza di Bufala è finalmente online!

Pubblicato il

Come si fa la Mozzarella di Latte di Bufala

Come si fa la Mozzarella di Bufala

Sebbene sulla rete si trovino tante guide su come si fa la mozzarella in casa, la produzione della Mozzarella di Latte di Bufala è un processo così articolato che è davvero difficile, se non impossibile, avere dei risultati soddisfacenti tra le mura domestiche… a meno che tu non sia disposto a trasformare la tua cucina in un caseificio!

Forse penserai: «Ma dai, non esagerare! Che ci sarà mai di così complicato?! Ho appena comprato il bimby nuovo!»
Leggi l’articolo fino in fondo e poi vedremo se avrai ancora voglia di diventare il mastro casaro della tua combriccola! 😀

Continua a leggere Come si fa la Mozzarella di Latte di Bufala